Archivio

Post Taggati ‘rete’

MPG26 – 26.11.12 – Progetto G.I.S.E. – Il sistema elettorale – Le primarie del PD

26 Novembre 2012 Nessun commento

L’esempio propostovi nel messaggio MPG25, e la concomitanza con la votazione di ieri, da parte dei simpatizzanti del PD, alle cosiddette “primarie del PD”, mi fanno anticipare questo messaggio sul sistema elettorale, che inizialmente avevo pensato di proporvi più avanti.

Guardando gli elettori attendere in fila anche per due ore, per votare, dopo averne già fatta una per registrarsi, mi ha veramente impressionato: ed anche preoccupato: perchè il procedimento con cui oggi si va a votare è sia mortificante ( subito ) che pericoloso ( domani ), perchè è costituito da sotto-processi facilmente influenzabili dall’esterno, sia nei loro contenuti, che nelle loro fasi temporali.

Il sistema è infatti sottoposto a due tipi di rischio, che agiscono sulle due dimensioni x ed y ortogonali fra loro: la dimensione x è il tempo t delle varie fasi, la dimensione y è il contenuto del voto, la sua espressione: poi, in realtà, anche il piano ( x,y ) si muove nel tempo, ma questo fatto lo trascuriamo per non complicare troppo le cose. Appare subito chiaro il gap tecnologico che esiste fra le numerose operazioni manuali, richieste dal processo, ed il fatto che quasi tutti gli elettori abbiano in tasca il loro telefonino, sul quale possono “comunicare” in tempo reale con l’esterno; se poi si aggiunge che il controllo dll’identità dei votanti è anch’esso manuale, ed il voto non è verificabile, appaiono subito chiare le opportunità che potrebbero presentarsi a qualcuno che volesse “taroccare” la consultazione.

Esaminiamo infatti il processo “espressione del voto in una consultazione elettorale ( “primaria” o nazionale che sia, il processo non cambia ): esso, percorso sul tratto che va dalla registrazione del votante alla pubblicazione dei risultati ufficiali della votazione, passa attraverso le seguneti fasi:

  1. Presentazione dei documenti d’identità
  2. Registrazione nome e cognome
  3. Ritiro del “certificato elettorale”
  4. Spostamento dal banco di registrazione allla sala delle votazioni
  5. Presentazione del “certificato elettorale”, e ritiro della scheda elettorale
  6. Espressione del voto
  7. Deposito della scheda piegata nell’urna
  8. Uscita dal seggio elettorale
  9. Scrutinio dei voti
  10. Pubblicazione dei risultati mersi dalla prima votazione
  11. Eventuale ballottaggio;
  12. Pubblicazione dei risultati definitivi

Una prima osservazione riguarda il fatto che, nel caso di “primarie”, in questo modo non si sceglie il Premier, ma il “candidato Premier”, che per diventare Premier dovrà attendere che la sua coalizione vinca le elezioni politiche di aprile 2013: quindi, con le “primarie” i cittadini scelgono un “candidato Premier” nel gruppo di quelli che si sono candidati ( anche se non sono Parlamentari ), trascurando quelli che non si sono candidati: e questo non rispecchia perfettamente il dettato costituzionale ( Artt. 56 e 58 ), che recita: “…I Deputati sono eletti  suffragio universale e diretto”, ed anche ( Art. 92 ) “….Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio ( cioè il Premier )…”: da cui si evince che, se vi sono state delle “primarie”, che hanno portato alla nomina di un “candidato Premier” non parlamentare ( come potrebbe succedere, se le “primarie” del PD le vincesse il dott. M. Renzi ), egli/ella non potrebbe essere nominato Premier dal Presidente della Repubblica, a meno che:

  • egli non venga eletto Deputato o Senatore, come risultato delle stesse eelezioni politiche ( ma allora la legge elettorale deve essere cambiata, perchè quella attuale, chiamata “porcellum“, non permette di esprimere preferenze );
  • oppure, che il Presidente della Repubblica non lo nomini “Senatore/Senatrice a vita“, come ha fatto per il Prof. Monti;

L’impressione che se ne trae è che, non riuscendo a trovare un accordo sulla legge elettorale, i maggiori partiti siano ripiegati su questo compromesso, in cui i cittadini sono chiamati a scegliere almeno il “candidato Premier“, che non è proprio la stessa cosa che scegliere i Deputati ed i Senatori, in modo che fra essi – già eletti – il Capo dello Stato possa scegliere il candidato Premier, come vorrebbe la Costituzione. Il motivo di questa soluzione ( strettamente bi-partisan ) è ovvio: se si reintroduceono le preferenze, ad aprile 2013 il 90% degi attuali Deputati e Senatori va a casa: con le “primarie”, invece,si crea  una sorta di alibi per lasciare in vigore il “porcellum”, col quale l’unico rischio che corre ogni Deputato e Senatore è quello di non diventare Premier..E per quello, come dicono a Roma, “..sai che me frega?”.

Vedremo presto, se la mia interpretazone è giusta: a me, questo messaggio fa gioco per mostrare quanto il mondo della politica sia lontano ( e voglia tenersi lontano ) dai cittadini: quanti di voi hanno le conoscenze, il tempo e la voglia di andare a studiarsi queste cose, per poter poi decidere chi/come votare? Per questo, nel messaggio precedente ho – volutamente – inserito anche qualche accenno al sistema di votazione previsto dal Progetto G.I.S.E.: là si parla di decidere su una strada, ma lo stesso si può fare per un candidato: cliccando sul suo nome, si potrà avere accesso al suo curriculum, alle sue ide, alle sue proposte; e poi, molto semplicemente, votarlo, o andare a cercarne un altro, che abbia idee più vicine alle nostre. Non è più semplice, così? e più accessibile a tutti? E tutto questo nella massima sicurezza, dialogando con un interlocutore, il computer del <SI>, che non fa trucchi e non fa inganni, perchè rispecchia fedelmente la volontà ed esegue subito  le scelte di chi lo usa.

Non voglio adesso seminare zizzania, per cui accennerò  soltanto al problema della “sicurezza” del voto, che si pone sia per delle “primarie”, che per delle elezioni nazionali, visto che adottano lo stesso processo. Basti pensare, per esempio, che il processo illustrato nei punti da 1 a 10 riguarda un procedimento “privato”, perchè i partiti non sono Enti pubblici, e non hanno personalità giuridica . Quindi, tutte le mosse sono libere, non ci sono regole, chi è più furbo e più veloce vince la posta: e con il gran numero di passaggi che compaiono in quel processo, nei quali è fondamentale l’elemento umano, le occasioni per “ciurlare nel manico” sono tante, ed anche tanti sono quelli a cui si può offrire di fare da manico…

Il metodo adottato dal Progetto G.I.S.E., invece, assomiglia molto a quello con cui lavora il computer, e che ho illustrato in uno dei primi messaggi: tante operazioni ripetute, una per votazione, e ciascuna simile ad una partita a scacchi, un giocatore è l’elettore, l’altro il computer del <SI>, il Sistema Informatico dello Stato. Ma è una partita a scacchi particolare, perchè l’elettore vince sempre: chiede di veder le varie alternative, ed il computer gliele mostra; cerca di votare un candidato, ma sbaglia qualcosa, ed il computer gli segnala l’errore e gli chiede di ripetere l’operazione, finalmente riesce a votare correttamente, ed il computer, prudente, gli chiede di confermare il suo voto; lui lo conferma, il computer accetta il voto, e l’elettore ha vinto la partita. Adesso quel voto è nella memoria del <SI>, e nessuno è potuto intervenire nel processo, neppure con un altro computer, perchè quel meccanismo di conferma ha “protetto” quel voto finchè si è insediato all’interno del <SI>. E tirarlo fuori da lì è dura…. Semplice, no?

Ho volutamente chiamato “una partita a scacchi” il processo di voto, perchè questo mi offre l’opportunità di spiegare ancora qualcosa sul computer, che non credo di aver spiegato prima. Il computer, di per sè, fa solo operazioni stupide: ma le fa con una tale velocità, gestendo un tale numero di dati, e realizzando tali risultati, da denunciare subito la presenza, dentro di esso, delle proiezioni di intelligenze superiori, sia nel campo della tecnologia che in quello della logica-matematica, capaci di concepire microcircuiti minuscoli ma potentissimi, e programmi informatici raffinatissimi: è come se, nel momento in cui uno lo usa, entrassero in esso migliaia di quelle intelligenze superiori, e si mettessero tutte insieme a lavorare per l’utente. In effetti è così, solo che quelle intelligenze sono già residenti nel computer, vi sono entrate quando esso è stato costruito con quelle tecnologie, e programmato con quei programmi, e da quel momento esse sono lì dentro, in quella “stupida” scatola di plastica, a disposizione di tutti quelli che, con modestia, cercano di imparare ad usarli.

Se nel processo di voto digitale l’elettore vince sempre, e proprio perchè il computer del <SI> contiene già tutte le stringhe logiche, le regole, i blocchi che servono a risolvere tutti i problemi che possono presentarsi durante le operazioni di voto: in altre parole, il computer è “istruito” per far “vincere” l’elettore, e permettergli di completare le sue operazioni di voto. Allo stesso modo, il computer può essere programmato per “vincere” lui : l’ha imparato, a sue spese, il campione mondiale di scacchi. il russo B. Spasski, più di 10 anni fa, quando volle sfidare il computer BLUE della IBM: Spasski vinse una partita, ma le altre 5 le vinse BLUE, sia perchè era stato programmato dai migliori specialisti mondiali di quello sport, sia – soprattutto – perchè era in grado di elaborare soluzioni alternative per  ogni mossa, a velocità molto superiore a quella, già eccezionale, della mente di Spasski…e,ovviamente, non si stancava, non si innervosiva, e non avrebbe mai preso alcuna bustarella per accettare di perdere.. 

Nel prossimo messaggio parleremo del (PEP), o Pacchetto Essenziale Protetto, dei (BEC), o Bisogni Essenziali del Cittadino, e di quali strumenti il Progetto G.I.S.E. intenda avvalersi per proteggerli.

10.A794.Felson

 

 

MPG8 – 8.11.2012 – Progetto G.I.S.E. – Sistema Informatico : il concetto di “default” , le carte “intelligenti”.

8 Novembre 2012 Nessun commento

Spero che non abbiate sofferto troppo durante la lettura del mio pedante e noiosissimo messaggio MPG7: purtroppo, è necessario che il lettore abbia almeno una infarinatura di base sui concetti e sulle tecniche che il Progetto G.I.S.E. ha adottato nei vari casi, perchè altrimenti non potrebbe capire cosa significano, ma soprattutto a cosa servono; spero quindi che i chiarimenti che ho fornito siano stati sufficienti a conseguire questo obiettivo.

Uno di questi concetti, molro importante in informatica, è quello di default <d>: che ha anche una sua tecnica di applicazione, la più semplice di tutte, perchè consiste nel chiedere al sistema ciò che si vuole da esso, e poi lasciare che esso faccia tutto da solo, utilizzando le impostazioni/regolazioni/sequenze ecc.  che vi ha inserito  chi l’ha progettato /costruito /installato ( perchè una prima serie di imposazioni bisogna sempre dargliela, se non altro  per verificare che tutto funzioni correttemente ). Il termine inglese default , che di per sè significa errore, mancanza, insufficiena, ecc., viene usato in informatica proprio con questo significato: “in mancanza di altri dati, il sistema userà quelli dell’impostazione iniziale”, scivolando poi inevitabilmente nel significato più ampio:”questa è la regola/la norma/ la convenzione che il sistema userà per default”, cioè in mancanza di regole/morme/convensioni diverse.

Tornando ora ai nostri problemi, quindi, impostare una Registrazione <R> per default  significa impostare un database concepito in un certo modo, ed utlizzarlo per tutte le migliaia, od i milioni di soggetti coinvolti nella Registrazione, senza modificare le regole per alcuno di essi: se questo si può accettare, allora la raccolta dei dati da registrare può essere “automatizzata”, nel senso che non occorre più andare in giro a raccogliere i dati man mano che diventano disponibili, ma si inseriscono per primi i dati di cui si dispone, e per quelli mancanti si creano dei meccanismi di trasmissione dati ( ad esempio, tramite INTERNET ) in modo che siano i soggetti interessati a trasmettre automaticamente al sistema i dati che li riguardano.

Un esempio varrà a chiarire meglio ilc oncetto. Supponiamo di aver un signor Rossi ( il tipico “italiano medeo” ) che va a comprare un paio di scarpe: oggi, dopo l’acquisto ed il pagamento delle scarpe, il venditore gli consegna la scatola con le scarpe nuove, e lo scontrino fiscale emesso dal registratore di cassa. Il signor Rossi esce, torna a casa e mette lo scontrino insieme agli altri scontrini, disinteessandosne, perchè tanto con quello non può farci nulla: ha speso € 100 per le scarpe, e buonanotte. Ma potrà anche capitare che, per curiosità, guardi quello scontrino, e solo allora si accorga che non è uno scoiontrino fiscale, ma solo una sorta di ricevuta per i 100 EURO che ha speso: per cui, se volesse fare il bravo cittadino, dovrebbe telefonare alla Guardia di Finanza, al 177, e denunciare il reato. dopodichè dovrebbe andare a firmre il verbale di denuncia, e da quel momento tenersi a disposizione della GdF, che potrebbe chiedergli ulyeriori chiarimenti.       CONCLUSIONE: il signor Rossi manda il negoziante all’inferno, si tiene le sue scarpe, ed il negoziante ha evaso le imposte su 100 EURO.  Se invece il negoziante è stato onesto, e gli ha veramente dato uno scontrino fiscale, quel valore di € 100 si sommerà a tutte le altre sue vendite nel corso dell’anno, e sul totale di quelle vendite pagherà le imposte, se la sua dichiarazione dei redditi sarà fedele: ma la seconda parte dell’operazione resterà pur sempre sterile, perchè lo scontrino in manmo al signor Rossi non servirà ancora a nulla

Vediamo invece cosa succederebbe con un sistema di Registrazione automatica: il registratore di cassa de negoziante ora è costituito da un POS opportunamente modificato, cioè un punto di collegamento ad INTERNET ( come quello usato per il BANCOMAT ), che si può connettere con il <SI> centrale, nel cui database sono già registrati sia il negoziante, con la P.IVA della sua attivitò, sia il signor Rossi, con il suo Codice Fiscale: inoltre, in un altro database del <SI>, sono già pronte tre serie di dati: la serie dei codici delle transazioni ( vendita, acquisto, affitto, nolo, consulenza, prestazion artigiana, prestazione professionale, ecc. ), la serie dei codici delle attività ( commercio calzature, commercio ortaggi, assistenza legale, cure mediche, ecc.ecc. ), e la serie  delle “riprese fiscali, cioè i fattori di maggiorazioneriduzione previsti dalla Agenzia delle Entrate per ciascuna attività ( vedremo meglio questi aspetti quado parleremo del FISCO ). Una volta consegnate le scarpe nuove al signor Rossi, il negoziante verifica che il suo POS sia connesso con il <SI>, vi passa la sua <dsci> , per fornire la sua P.IVA, poi preme il pulsante VENDITA, poi chiede al signor Rossi la sua <dscp>, digita il valore della vendita, e preme INVIO.  In quel momento, il <SI> registra la transazione due volte, sia in un record intestato al negoziante, sia in uno intestato al signor Rossi: mentre il POS registra l’avvenuta vendita sia nella sua memoria interna, che in quella della <dscp> del signor Rossi, cosicchè un eventuale contrololo della GdF non potrà che constatare l’assoluta regolarità della transazione, mentre, trattandosi di scarpe non di lusso, il signor Rossi potrà vantare dallo Stato un credito d’imposta sugli € 100 che ha speso, perchè le scarpe sono un “bisogno essenziale” per lui.

Niente più scontrini, quindi, tutto viene fatto in automatico: e questo grazie al concetto di Deliverance <D> di Felsineus, esteso anche alla Registrazione <R> dei dati, che avviene non solo sul <SI>, ma anche nella <dscp> che il signor Rossi ha in tasca, dotata di un microprocessore per la connessione ad INTERNET e, volendo, agli SMART-PHONES ( sempre attraverso un POS ), ma soprattutto di una memoria nella quale si possono conservare i dati eelativi agli ultimi 30 giorni, od anche olrre ( dati che il signor Rossi potrà in ogni caso sempre rintracciare sul <SI>, accedendovi con la sua <dscp> e la sua password, attraverso dei PUNTI (ASI) DI ACCESSO AL SISYEMA INFORMATICO <SI>, che saranno presenti – individubili tramite un’apposita insegna -  in’tutti gli Uffici Postali ed in tutte le tabaccherie, oltre che presso tutte le caserme dei Carabinieri, i posti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, gli Uffici Comunali e quelli dell’Agenzia delle Entrate.

Questi concetti li riprenderemo spesso, mei prossimi messaggi, per ora vi chiarisco solo il significato delle sigle: <dscp> è una digital smart card for persons, cioè una carta intelligente digitale per le persone, mentre la <dsci> è una digital smart card  per le imprese: ad esse si accompagnerà anche, come vedremo, una <dscv>, cioè una digital smart card per tutti i tipi di veicoli, che sarà in grado di risolvere molti problemi relativi al traffico che fino ad oggi sembravano irrisolvibili. E’ per questo che ve le menziono già oraanche se poi ne riparleremo fra qualche giorno: affinchè cominciate  a far lavorare l’immaginazione, a crearvi dei nuovi scenari costruiti e gestiti con quusti concetti, a parlarne fra di voi, im modo da essere più interessati e ricettivi quando ne parleremo a fondo.

10.A794.Felson

ADF262 – 7.11.09 – G.I.S.E.(229): (MDG)(1),(ESG)(1),(ELG)(1),(EAS)(1),(EPS)(1),(RGM)(1)

7 Novembre 2009 Nessun commento

ADF253 -17.05.09 -G.I.S.E.(219):(MEA)(3), ReteSostegnoMistificazione(RSM)(1)

17 Maggio 2009 Nessun commento

ADF242 – 26.03.09 – G.I.S.E.(208): (ATM)(2), Intercettazioni(4), Stracciam.Progr.Rete(SPR)(1)

26 Marzo 2009 Nessun commento

ADF121 – 2.05.08 – G.I.S.E.(93) : (SSG)(6), sicurezza(5), ReteControlloCriminalità(3)

2 Maggio 2008 Nessun commento

ADF120 – 30.04.08 – G.I.S.E.(92): (SSG)(5), sicurezza(4), ReteControlloCriminalità(RCC)(2)

30 Aprile 2008 Nessun commento

ADF119 – 29.04.08 – G.I.S.E.(91): (SSG)(4), sicurezza(3), ReteControlloCriminalità(RCC)(1)

29 Aprile 2008 Nessun commento